Lavanderie Industriali: di cosa si tratta?

Lavanderie industrialiIl servizio di lavanderie industriali, commerciali e sanitarie si occupano del lavaggio di grandi quantità di biancheria, per una una vasta gamma di varietà e utilizzi.

Principalmente operano per strutture sanitarie, alberghiere, case di cura, residenze per anziani e simili, occupandosi della biancheria dei singoli ospiti e dei luoghi in comune (come di tovaglie, asciugamani, stracci per pulire e così via).

Alcune di queste imprese si trovano in loco presso le strutture che servono e da cui sono state ingaggiate; si trovano di solito in alberghi, in ospedali, in case di cura, nei carceri, nei dormitori delle università, ecc.

Le lavanderie a contratto e centralizzate che lavano i capi di altre imprese (come uniformi, tovaglie, asciugamani, lenzuola, ecc.) sono generalmente designate come “lavanderie industriali”.

Come funzionano le lavanderie industriali

In entrambi i casi, i due tipi di strutture utilizzano grandi quantità di acqua a diversi gradi di efficienza.

Costi dell’acqua e delle acque reflue rappresentano più del 50% dei costi operativi totali per una tipica lavanderia commerciale. I gestori di questi impianti, infatti, sono spesso estrememente interessati a partecipare a qualsiasi strategia di conservazione dell’acqua ritenuta efficace sui costi finali.

Da cosa dipende il successo delle lavanderie industriali

Sarebbe bene tenere a mente che la qualità del servizio fornito da una lavanderia automatica è fondamentale per il successo o meno del loro business: tutte le misure di conservazione dell’acqua devono, infatti, permettere di mantenere comunque e ad ogni costo l’efficacia della pulizia dei tessuti.

Le lavanderie professionali che hanno a che fare con tessuti che sono molto più sporchi dei comuni vestiti, utilizzano proprio questo come metro di valutazione:

(1) varietà di sporcizia, qualità di sporcizia, macchie, prodotti alimentari, prodotti chimici, batteri, grasso, pericoli biologici;
(2) la concentrazione di tali sostanze incorporate nel tessuto.

Lavatrici domestiche vs macchinari industriali

Non si può paragonare l’uso dell’acqua in una lavatrice domestica per la pulizia di indumenti e capi domestici con le attrezzature di lavaggio commerciali.

L’acqua è il solvente universale nel mondo e vi sono limiti pratici alla riduzione della quantità d’acqua e alla capacità di pulire a fondo i tessuti.

Le opportunità di conservazione dell’acqua esistono sempre più spesso nei vari metodi di riutilizzo e di riciclaggio delle macchine stesse.

L’estensione della capacità di una lavanderia per riciclare l’acqua, di solito, risiede nella capacità della macchina di filtrare, pulire e disinfettare l’acqua reflua delle lavatrici.

Lascia un commento